Roma. Assotutela su Ardeatino “Stop a grattacieli e fogne sulla villa romana”

Assotutela

 

(Agenparl) – Roma, 22 feb 2017 – “Un cantiere in via di Grottaperfetta mette in serio pericolo tesori archeologici e vincoli ambientali. Una violenza al territorio, all’ambiente, alla storia. Questo è il cosiddetto I-60, una lottizzazione di 400mila metri cubi al quartiere Ardeatino, autorizzata in spregio a ogni regola e a ogni tutela archeologica, paesaggistica, ambientale”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela che spiega: “Nel 2006 il Campidoglio approvò le cosiddette compensazioni urbanistiche, una sorta di risarcimento ai costruttori, per volumetrie non realizzate nella tenuta di Tormarancia. Tale ‘regalo’ ha penalizzato tutta Roma e parte dell’Agro ma il frutto più avvelenato prende la forma di un mega quartiere, con 32 palazzi e 5000 residenti, che dovrebbe sorgere proprio di fronte al parco risparmiato dalla colata di cemento, senza considerare che l’area di 22 ettari interessata, è in contiguità con il territorio risparmiato. Non solo, con tale realizzazione, sarebbero superati gli standard urbanistici di densità abitativa previsti con il primo progetto di almeno quattro volte. Per tale motivo AssoTutela sarà presente al convegno di domani, 23 febbraio, promosso dal Comitato di salvaguardia Grottaperfetta Stop I-60 “Urbanistica sostenibile: un’idea per Roma” che nella sala consiliare del Municipio VIII in via Benedetto Croce 50, dalle 15:30 alle 18 metterà a confronto cittadini, istituzioni, urbanisti, archeologi, ambientalisti, sul disordinato e incontrollato sviluppo di Roma”, chiosa Maritato.

Related posts

Top