Eliminazione barriere architettoniche, sì da III Ccp

(AGENPARL) -  -

Eliminazione barriere architettoniche, sì da III Ccp

ACRLa terza Commissione consiliare, presieduta da Vincenzo Robortella (Pd), ha approvato, oggi, all’unanimità (al momento del voto erano presenti i consiglieri Robortella e Lacorazza –Pd, Bochicchio –Psi, Romaniello –Gm, Perrino –M5s e Soranno -Pp) una delibera di Giunta regionale relativa alla ripartizione dei fondi anno 2017 per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. Le risorse disponibili, pari a 500 mila euro, soddisfano  le domande presentate nei  Comuni da parte di disabili aventi diritto di priorità a tutto l’anno 2012. I Comuni interessati sono Aliano, Bernalda, Brienza, Calvello, Calvera, Castelluccio Inferiore, Cersosimo, Episcopia, Lagonegro, Matera, Melfi Missanello, Palazzo S. Gervasio, Picerno, Rionero in Vulture, Rivello, Salandra, San Severino Lucano, Sant’Arcangelo, Sarconi, Sasso di Castalda, Scanzano Jonico, Senise, Tricarico e Venosa.
Su proposta del consigliere Lacorazza (Pd) il parere è stato accompagnato da una raccomandazione alla Giunta regionale di dare seguito a una risoluzione approvata in Consiglio regionale con la quale, tra l’altro, si impegnava la Giunta regionale a utilizzare le risorse derivanti dal “Fondo 3% delle royalties” al fine di “prevedere tra gli interventi misure rivolte all’abbattimento delle barriere architettoniche e al ‘turismo accessibile’ ai fini dell’adeguamento di servizi e strutture che consentano una migliore qualità della vita alle persone con disabilità, senza ostacoli né difficoltà, e quindi in condizioni di autonomia, sicurezza, comfort”. “La finalità – ha precisato Lacorazza – è di soddisfare tutte le richieste presentate entro il 31 marzo 2017”.

Licenziata a maggioranza (hanno votato a favore i consiglieri Robortella e Lacorazza –Pd, Bochicchio –Psi e Soranno -Pp, astenuti i consiglieri Romaniello -Gm e Perrino –M5s) una delibera di Giunta regionale relativa alla Legge regionale n.12/2015, art 7 “Promozione cooperativa. Individuazione modalità di riparto dei contributi alle organizzazioni regionali”.
Con la delibera di Giunta si stabiliscono le modalità di riparto dei contributi a favore delle Organizzazioni regionali per le attività di promozione cooperativa e precisamente: il numero delle cooperative aderenti a ciascuna Organizzazione regionale (9%), il numero complessivo dei soci delle cooperative aderenti a ciascuna Organizzazione regionale (29%), il capitale sociale delle cooperative aderenti a ciascuna Organizzazione regionale al 31 dicembre dell’anno precedente (29%), il fatturato delle cooperative aderenti a ciascuna Organizzazione regionale risultante al 31 dicembre dell’anno precedente (29%), le procedure di monitoraggio, di valutazione e la strumentazione utilizzata per gli interventi di promozione (2%), le risorse economiche utilizzate per le attività di promozione cooperativa (2%). I consiglieri Romaniello e Perrino hanno chiesto l’audizione dell’assessore competente per conoscere nel dettaglio i dati relativi alle domande istruite.

Successivamente è proseguita la discussione sul disegno di legge “Usi civici e loro gestione ex legge n. 1766/1927 e Regio Decreto 332/1928 che abroga la l.r. 57/2000 e successive modifiche”.

Hanno preso parte ai lavori, oltre al presidente Vincenzo Robortella (Pd), i consiglieri Giannino Romaniello ( Gm), Antonio Bochicchio (Psi), Giovanni Perrino (M5s), Piero Lacorazza, Vito Giuzio e Carmine Miranda Castelgrande (Pd), Giuseppe Soranno (Pp).

Authors
Top