Bank of Israel: Sviluppi del debito nel settore privato non finanziario, secondo trimestre del 2017

(AGENPARL) – Gerusalemme, 19 set 2017 – Nel secondo trimestre del 2017 si è registrato un significativo aumento quantitativo del debito del settore industriale che ha contribuito ad aumentare di circa l’1,5 per cento del saldo del debito del settore industriale, a circa 852 miliardi di NIS. Il debito pubblico delle famiglie [1] è aumentato di circa 7,6 miliardi di NIS (1,5 per cento) nel secondo trimestre, a circa 518 miliardi di NIS alla fine del trimestre.

 

Il debito pubblico del settore commerciale

  •    Nel secondo trimestre del 2017, nel maggior numero di canali si è registrato un significativo aumento quantitativo del debito nel settore delle imprese, pari a circa 18,2 miliardi di NIS. Questo aumento quantitativo è stato principalmente costituito da un aumento dei titoli negoziabili in Israele, prestiti da non residenti e prestiti bancari e non bancari. È stato parzialmente compensato in seguito all’effetto del 3,7 per cento di apprezzamento dello shekel rispetto al dollaro, che ha abbassato il valore del debito denominato e indicizzato in valuta estera e da un calo quantitativo in negoziabili obbligazioni. A causa di questi effetti, il debito del settore industriale è aumentato di circa 12,9 miliardi (1,5 per cento) di NIS a circa 852 miliardi di NIS alla fine del trimestre.
  • Nel secondo trimestre, il settore delle imprese (escludendo le banche e le compagnie di assicurazione) ha emesso circa 9,8 miliardi di obbligazioni in NIS, a seguito di elevati emissioni nel trimestre precedente (circa 17 miliardi di NIS). Circa la metà delle emissioni nel secondo trimestre sono state dalle società del settore immobiliare e dell’edilizia. Nel luglio 2017, il settore delle imprese ha emesso complessivamente circa 6,1 miliardi di NIS in obbligazioni, principalmente in obbligazioni commerciabili.
  •    I n secondo trimestre, il differenziale tra i rendimenti dei titoli CPI-indicizzate aziendali, come misurato dalla Tel obbligazionario 60 indice e il rendimento dei titoli di Stato CPI-indicizzato ampliati di circa 0,1 punti percentuali a circa 1,16 punti percentuali, a seguito di una calo nel primo trimestre. Nel luglio 2017 la diffusione è rimasta praticamente invariata.

Debito della famiglia

  • Il debito residuo delle famiglie è aumentato di circa 7,6 miliardi di NIS (circa 1,5 per cento) nel secondo trimestre a circa 518 miliardi di NIS. Il debito residuo di alloggi è aumentato nel secondo trimestre di circa 5,6 miliardi di NIS (1,8 per cento), a circa 328 miliardi di NIS.
  •    Nel secondo trimestre dell’anno i nuovi mutui sono stati pari a circa 13,1 miliardi di NIS, inferiori allo stesso periodo dello scorso anno (circa 15,8 miliardi di NIS). Tuttavia, a partire dal maggio 2017, i nuovi mutui presi sono aumentati, e nel mese di luglio sono stati assorbiti circa 5.1 miliardi di NIS. Al netto degli effetti stagionali, le nuove ipoteche rilevate nel mese di luglio ammontano a circa 4,3 miliardi di NSI.
Authors

Related posts

Top